Quanto è alto Gianni Agnelli

La storia di Gianni Agnelli, noto anche come l’Avvocato, è andata in onda su Sky Atlantic il 21 Gennaio 2018, a 15 anni dalla morte. Nel documentario prodotto da Hbo, presentato alle Giornate degli Autori alla Mostra del Cinema di Venezia, Gianni viene descritto come un uomo che dalla vita ha ottenuto denaro, fama, belle donne e molto successo.

Quanto è alto Gianni Agnelli

Giovanni Agnelli, detto anche Gianni, è stato imprenditore, politico italiano (nonché senatore a vita) e amministratore della Fiat. Nato il 12 Marzo 1921 a Torino, Agnelli è figlio di Edoardo Agnelli e di Virginia Bourbon del Monte, secondo di ben sette figli.

A Tornino frequenta il Liceo classico Massimo d’Azeglio e siamo invece nel 1942 quando ottiene la laurea in giurisprudenza presso l’Università di Torino. Terminata la seconda guerra mondiale, dopo l’esperienza come ufficiale di collegamento del Corpo Italiano di Liberazione, all’età di 25 anni Agnelli diviene presidente della RIV, ossia la società di produzione di cuscinetti a sfera fondata da Roberto Incerti e dal nonno.

Nel 1945 avviene anche la scomparsa del nonno (fondatore della Fiat). È a un anno dalla morte che Agnelli decide di affidare per il momento la guida dell’azienda al manager Vittorio Valletta, riservandosi l’incarico di vicepresidente. Sarà solo nel 1966 che l’Avvocato ottiene finalmente il ruolo di Presidente della ormai florida società.

Intanto nel 47 Agnelli diviene Presidente della squadra di calcio della Juventus (ai tempi sulla cresta dell’onda del calcio italiano grazie al padre Edoardo) e nel frattempo si gode la vita frequentando i luoghi e i personaggi più famosi d’Europa quali attrici, magnati e uomini politici (ricordiamo per esempio l’amico John Fitzgerald Kennedy, senatore democratico). Sullo yacht di Onassis conosce per esempio la bella attrice e modella di Chanel Jackle Rogers. Nel documentario di Hbo, Jackie racconta di quella sera, accennando anche alla dipendenza da cocaina del giovane Agnelli e rivela che tempo dopo, a Roma, decise di andare a fare una sorpresa a Gianni (già sposato con la collezionista d’arte Marella Caracciolo): “Sapevamo che stava al Grand Hotel con Anita Ekberg e che non chiudeva mai la porta. Entrammo: la stanza era in penombra, c’era una musica di sottofondo e lui e Anita erano a letto, nudi. Lei ebbe una crisi isterica, si alzò e ci urlò contro per cacciarci dalla stanza, con quel seno enorme che ballonzolava su e giù. Ma la cosa più bella è che, il giorno dopo, Gianni mi chiamò per dirmi che si era divertito e che la nostra sorpresa gli era piaciuta moltissimo” racconta divertita l’attrice e la cosa non ci sorprende dato l’atteggiamento irriverente dell’Agnelli.

Gianni Agnelli era un uomo dai mille talenti e tra questi vi era quello di essere in grado di indicare uno “stile di vita” alla classe sociale alla quale apparteneva. Divenne un icona e modello per molti e tra i trend più noti da lui lanciati, ricordiamo il nodo alla cravatta asimmetrico, la camicia button-down con bottoni liberi oppure i polsini della camicia sbottonati. Uno dei suoi trend invece non riusciti è quello della tuta da lavoro abbinata a una ascot, questo perché per poter vestire bene una tuta è necessario avere una altezza di un certi rispetto, non basta una statura media. Se vi state chiedendo quanto era alto Gianni Agnelli, vi sorprenderà sapere che il grande avvocato non raggiungeva 1,85 m.

Foto biografieonline

Leave a Reply

Your email address will not be published.