Quanto è alto un autobus

L’autobus è uno dei mezzi di trasporto pubblico più comune in tutto il pianeta. A seconda della parte di mondo in cui ci troviamo il servizio di autobus può essere più o meno efficiente ma rimane una valida alternativa per gli spostamenti via terra in quanto risulta essere molto più economico che viaggiare in treno o in aereo.

Quanto è alto un autobus

Che cos’è un autobus? La parola “autobus” è composta dai termini auto-mobile e omni-bus (dal latino “per tutti”), si tratta di un veicolo automotore attrezzato per il trasporto di un certo numero di persone su percorsi sia urbani che suburbani a seconda della tipologia di autoveicolo. Il primo vero autobus risale al 1821 e fu l’inglese Julius Griffith a brevettarlo. Stiamo parlando di un mezzo di trasporto che funzionava esclusivamente a vapore e fu un invenzione molto importante per l’epoca. Assieme a esso fu istituito anche il primo servizio di trasporto pubblico extraurbano.

Una curiosità interessante riguarda l’origine della parola omnibus. Siamo nel 1825 quando Stanislas Baudry, considerato un pioniere del trasporto pubblico, decide di aprire un mulino a vapore nella città di Nantes. Il mulino a vapore funzionava sfruttando l’acqua calda e Baudry ebbe l’idea di aprire un bagno pubblico accanto al mulino dove chiunque potesse farsi un bagno caldo. L’obbiettivo era quello di utilizzare senza sprechi l’acqua bollente proveniente del mulino.

Il mulino così come i bagni di Baudry si trovavano però fuori città per cui non era semplice per i clienti raggiungerlo e questo provocava un calo degli affari. Per ovviare al problema Baudry decise di ideare una navetta che partisse dal centro di Nantes e conducesse i clienti al suo mulino. Il nome omnibus deriva dall’insegna “Omnes Omnibus” (che in latino significa “tutto per tutti” oppure “omnès per tutti”) affissa davanti alla bottega del noto cappellaio Monsieur Omnès, che si trovava proprio davanti la stazione della navetta a Nantes.

Siamo sempre nel 1825 quando Gurney Goldsworthy brevetta un autobus in grado di trasportare 15 persone a una velocità di 24 chilometri all’ora. Era dotato di ammortizzatori a molla, due ruote posteriori motrici e due anteriori portanti più una quinta ruota davanti, per un peso complessivo di ben 3 tonnellate. L’efficienza limitata fu poi migliorata nel 1827 grazie a Walter Hancock.

Lo sviluppo e la diffusione degli autobus avvenne con non pochi intralci: i cocchieri e le ferrovie erano molto preoccupati per la concorrenza creata dai nuovi mezzi pubblici tant’è che per impedirne la diffusione, lottarono per l’ottenimento di leggi che proibivano gli autobus facendo leva su un incidente mortale del 1839. Nonostante tutto con l’invenzione del motore a scoppio non fu più possibile contrastare il progresso e nel 1897 venne inventato da De Dion-Bouton il primo autobus a motore. Per quanto riguarda l’Italia, il primo autobus fu costruito da Fiat e risale al 1906.

Veniamo adesso ai dati e caratteristiche tecniche di un comune Autobus. In generale sono veicoli adibiti al trasporto di persone con più di 9 posti compreso il conducente e secondo la classificazione internazionale dei veicoli a motore, gli autobus rientrano nella categoria M. Possono raggiungere una lunghezza massima di 15 m per una larghezza di 2.55 m con un peso da 18 a 32 tonnellate. Per finite, quanto è alto un autobus? per tutti gli autobus, eccetto quelli in servizio pubblico di linea urbano e suburbano si parla di 4 metri.

Foto di Pisa Today

Leave a Reply

Your email address will not be published.