Quanto è alto un elefante africano

Gli elefanti rappresentano una famiglia di mammiferi che comprende specie differenti quali l’elefante asiatico e l’elefante africano.

Gli elefanti africani sono tra gli animali più grandi di tutto il pianeta e superano mediamente gli elefanti asiatici, infatti hanno una lunghezza in genere di circa 6-6.5 metri e possono arrivare a ben 3,7 metri di altezza con un peso che varia fra i 3800 e i 5200 kg (anche se ne esistono alcuni che raggiungono la soglia degli 8000 kg).

Quanto è alto un elefante africano

Date le sue enormi dimensioni, un elefante africano adulto difficilmente ha dei nemici, infatti mentre un cucciolo di elefante potrebbe benissimo cadere vittima di un leone o un coccodrillo, non esiste nessun animale abbastanza grande e potente da potersi mettere contro un elefante adulto (eccetto rare eccezioni rappresentate da branchi di leoni ben organizzati; in quel caso potrebbero dargli del filo da torcere).

Per quel che riguarda le elefantesse femmine, queste hanno dimensioni inferiori, infatti raggiungono al massimo le 3,5 tonnellate in peso e non superano i 280 centimetri di altezza.

Segni particolari dell’elefante africano sono rappresentati dalle gigantesche orecchie; questa particolarità, oltre a garantire a questi mammiferi un super udito, è anche molto ultime per questioni termiche: servono per disperdere il calore e mantenere l’animale fresco. Anche le orecchie dell’elefante asiatico sono grandi ma non tanto quanto quelle dell’africano e sono inoltre più spesse e robuste.

Dal punto di vista fisico, l’elefante africano ha il dorso curvo e cranio frontalmente appiattito; la sua proboscide è caratterizzata da due appendici digitiformi e le sue zanne (ossia gli incisivi superiori) sono veramente molto ingombranti, tant’è che nei maschi raggiungono anche un metro e mezzo di lunghezza (non per niente il nome scientifico di questi animali è Loxodonta ossia “dente obliquo”); le zanne vengono utilizzate sia dai maschi che dalle femmine di elefante per scavare in cerca di cibo o per rimuovere la corteccia dagli alberi (i maschi le utilizzano anche come strumento per combattere fra loro). Le zanne di questi splendidi animali sono in avorio e purtroppo, benchè oggi il loro commercio sia illegale, gli elefanti sono spesso ancora vittime di bracconieri.

Questi mammiferi amano molto l’acqua e il bagnato, tant’è che non è difficile vederli intenti mentre aspirano l’acqua nelle proboscidi per spruzzarsela addosso a mo’ di doccia. La proboscide ha molte funzioni, infatti oltre che per odorare, questi mammiferi la utilizzano per respirare, barrire e bere, oltre che per afferrare cose (tant’è che all’estremità della proboscide sono presenti due sporgenze che assomigliano a delle dita e che li aiutano in questa funzione).

Dal punto di vista dell’alimentazioni, gli elefanti si nutrono di radici, erba, frutta e corteccia; sono infatti animali principalmente erbivori e mangiano in grandi quantità, tant’è che devono spostarsi spesso in cerca di cibo. Sono animali che non dormono molto e in genere le femmine e i maschi vivono separatamente; mentre le femmine tendono a trascorrere il tempo assieme ai piccoli in mandrie familiari, i maschi adulti hanno la tendenza a vivere da soli.

Per quel che riguarda la nascita di un elefante africano, quel che sappiamo è che è molto impegnativo: la gestazione dura quasi ventidue mesi e le femmine di solito partoriscono ogni 2 o 4 anni.

Foto Kenya Vacanze

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *